Inno

Play Avanti-e-indre

borgehtti-bugaron-band

AVANTI E INDRÈ

 

Tuti machì in ste caruson, in sta glupa tonda che a la fin è el mond

a fatighè, a smagunè, sensa sapé che sin na fila d’ bua ch’ha da caminè per armediè

l’afit, el gas, el celuler, utumòbil, giubutin, èria cundisiuneta, dvd, le scherp per chi fiulin.

Ste gir de quadrin, che gónfien un sistema che ce tirarà giù per ‘na scarpeta.

Ij me ferm in ste viel, camin cost le mura e pu… bocch dentra al carnevel

RIT: E alora avanti Pacasoni coi carri e ta ta ta

e vedrei té quant è bela la libertà, a gì avanti e indrè su per sta sfilata sensa pensier de dietra che rómpen i stivei

E alora avanti Pacasoni coi carri e ta ta ta

e vedrei té quant è bela la libertà

che no’ ogg dupran tuta sta alegria che dà un con d’energia per cumbata e campè

Cost a sti mur ch’han fat i ruman, arvien in ment le guerr ch’han fat in sti miera d’ann, che bagn de sangu, che pu c’è anca adess e la pora gent tel mes a cumbata… tra delinquent e inucent, tra carr armet e trator, tra carusin e carusel… e caruson da mort.

Me vien un magon ch’adè vagh vers el Pincio e pu …bocch dentra al carnevel

RIT:

E maquasù dal Pincio veg el viel, la gent, el get, i carr, le mascherèt e la “Musica Arabica” che è malagiù in fond, chisà che da machì en pèrt la riscosa del mond

RIT:


(In italiano)
AVANTI E INDRÈ
Tutti qui in questo carrozzone, in questo fagotto tondo che alla fine è il mondo

a faticare, a dannarsi, senza saper che siamo una fila di buoi che deve camminare

per rimediare l’affitto, il gas, il cellulare, automobile, giubbottino,

aria condizionata, dvd, le scarpe per i bambini

Questo giro di quattrini, che gonfiano un sistema che ci tirerà giù

per una scarpata

Io mi fermo in questo viale, cammino costeggiando le mura e poi …

entro dentro al carnevale

RIT: E allora avanti Pacassoni coi carri e ta ta ta

E vedrai te quant’è bella la libertà, andare avanti e indrè

su per questa sfilata senza pensier dietro che rompono gli stivali

E allora avanti Pacassoni coi carri e ta ta ta

E vedrai te quant’è bella la libertà

Che noi oggi adoperiamo tutta questa allegria che dà un po’ d’energia

per combattere e campare.

Costeggiando queste mura che hanno fatto i romani, ritornano in mente le guerre che hanno fatto in questi migliaia d’anni, che bagno di sangue,

che poi c’è anche adesso e la povera gente nel mezzo a combattere …

tra delinquenti e innocenti, tra carri armati e trattori, tra carrozzine, carrozzelle …

e carrozzoni da morto

Mi viene un magone che adesso vado verso il Pincio e poi …

entro dentro al carnevale

RIT:

E quassù dal Pincio vedo il viale, la gente, il getto,

i carri, le mascherate, la “Musica Arabita” che è laggiù in fondo,

chissà che da qui non parta la riscossa del mondo

RIT: